Ritiro Comunitario 14-15 Febbraio 2015 Convento Santa Maria di Stignano (FG)

3Il Ritiro Comunitario del 14/15 febbraio, organizzato dalla Fraternità di Foggia ma che ha visto la partecipazione delle fraternità di Campobasso, Cassano allo Ionio, S.Severo e dei fratelli provenienti da Putignano, Noci, Martina Franca, S.Marco in Lamis e Pescara, ha voluto  introdurre al tempo liturgico della Quaresima.

                                                                                               La parola del Papa ….

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2015

Cari fratelli e sorelle, la Quaresima è un tempo di rinnovamento per la Chiesa, le comunità e i singoli fedeli. Soprattutto però è un “tempo di grazia” (2 Cor 6,2) L’indifferenza verso il prossimo e verso Dio è una reale tentazione anche per noi cristiani. Abbiamo perciò bisogno di sentire in ogni Quaresima il grido dei profeti che alzano la voce e ci svegliano….

Assisi, 4 ottobre 2014 Festa di San Francesco


Siano rese grazie a Dio perché  ben due profeti  erano presenti tra noi : Stefano Ragnacci e Don Luigi Maria Epicoco.

Sabato 14 febbraio 2014:

“Senza la Visione il popolo muore”
relatore Stefano Ragnacci

Stefano RagnacciGrazie davvero Signore Gesù per il dono di Stefano, un pastore secondo il cuore di Dio, una guida mite, una voce che si è alzata: “se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel Regno dei cieli” (Mt 5,20)  e ha destato quanti si erano assopiti in mezzo a noi,  una voce che ha scosso gli animi e ha richiamato con forza alla sequela di Cristo Signore con le stesse parole di Papa Francesco: “Non trascuriamo la forza della preghiera” e ancora: “Fac cor nostrum secundum cor tuum”: “Rendi il nostro cuore simile al tuo”.

Allora avremo un cuore forte e misericordioso, vigile e generoso, che non si lascia chiudere in se stesso ma che si lascia plasmare, purificare dallo Spirito Santo, così che si apra  al mistero del Corpo Mistico di Cristo, si offra a Dio totalmente per la comunione con Lui e con l’opera Sua più sacra, il fratello e si adoperi per la costruzione del Suo progetto: la città di Dio.  Il cristiano è colui che permette a Dio di rivestirlo della sua bontà e misericordia, di rivestirlo di Cristo, per diventare come Lui, servo di Dio e degli uomini ….

di Teresa Ciociola.

Audio Insegnamento Stefano Ragnacci


Domenica 15 febbraio 2014:

L’Oratoria  a gloria di Dio, a servizio di Cristo e della sua Chiesa, ha un nome: don Luigi Maria Epicoco

“Nessuno disprezzi la tua giovinezza, ma divieni ad esempio ai fedeli nella parola,  nella condotta, nell’amore, nello Spirito, nella fede e nella castità. Applicati alla lettura, all’esortazione e all’insegnamento, finché io venga”   (1’Tm 4:12-13)

 

 

Questi don Luigi Maria Epicoco per me, un Timoteo dei nostri giorni! Le parole  del  Maestro, così  sapientemente  pronunciate  dal  suo discepolo, un giovane sacerdote, figlio devoto di  Maria  e  della  Chiesa.

Un binomio perfetto di esegesi biblica e chiarezza espositiva, il 15 febbraio 2015, ha catturato completamente l’attenzione dell’assemblea che gremiva la sala del convento di S. Maria di Stignano, in San Marco in Lamis.

 Io ero li,  membro tra tanti della nostra amata Comunità Magnificat, e tra i tanti, grata al Signore che,  nella sua infinita misericordia,  ha voluto donarci,  chiamandoci a Sé in disparte, la Sua Parola di vita e i suoi insegnamenti.

 E questa volta lo ha fatto servendosi di don Luigi Maria, un uomo semplice che, con fare condito di umiltà e dolcezza ma potente nella voce e nei contenuti per l’azione dello Spirito Santo,  ha saputo portarci alla presenza del Cristo di Emmaus e ha fatto ardere i nostri cuori.

Un fiume in piena di citazioni  e insegnamenti che ha prodotto tra noi uditori sorpresa,  stupore,  fascino  e  passione.

La sorpresa per la tanta saggezza in tale giovinezza ma anche per la naturalezza e la semplicità con cui Don Luigi ci ha trasmesso contenuti di tale levatura spirituale, rendendoli così accessibili, tangibili, come a non esserci più tanta separazione tra noi e il Cielo, tra il nostro tempo e l’Eternità. E ancora la sorpresa di un Dio che poco a poco si rivela ai piccoli. E di un mistero.  Il grande Mistero di Dio  non comprensibile del tutto, di fronte al quale ci si può solo fermare e contemplare.

Lo stupore di chi scorge in ciò che ascolta verità antiche e sempre nuove e vive  dinamiche che il cuore ne viene riempito, un moto interiore, una mozione dello Spirito che il tuo  cuore così povero quasi non può contenere e lo fa traboccare, gli impone di allargarsi nel vano tentativo di accogliere la grandezza delle rivelazioni,  i battiti sono accelerati quasi il respiro si fa corto, una santa inquietudine lo assale e la gioia incontenibile di Cristo Risorto che immediatamente lo raggiunge e lo abita.

Il Fascino.  La voce di questo giovane sacerdote, amplificata apparentemente solo da un microfono, ha prodotto in noi echi della voce di Cristo Signore. L’esperienza mia e di tanti altri che con me hanno condiviso questo momento, è stata quella di vederci trasportati lì …. davanti al bellissimo volto di Gesù seduto presso il  pozzo di Giacobbe noi al posto della samaritana, come lei,  toccati per come quel parlare ci raggiunge, ci colpisce, ci riguarda  da vicino, come se a  parlare è chi ti conosce da sempre e profondamente. L’incontro con Gesù è unico, coinvolgente, sconvolgente, scuote nell’intimo, il Suo sguardo affascina, rapisce, attrae a Sé, brucia ma non consuma e mentre offre tutto Sé Stesso e dona il Suo Spirito, ti chiede: “dammi da bere!”

La Passione.  Più don Luigi Maria parlava di Gesù, più ne rivelava la bellezza e ne cantava le lodi   come è dell’amico dello Sposo. Ripeteva di Lui  “ ti chiama per nome”…. Ne rivelava, quasi  a svelare un’impossibile debolezza,  l’incapacità di amare tutti e al tempo stesso ne celebrava  l’indissolubilità del suo Amore unico per ognuno. Concetti e verità già  note ma così straordinariamente riproposti come la presenza di Dio nella storia di ciascuno,  la logica divina così distante da quella umana,   la Sua convivenza nella concretezza di ogni giorno,   la Sua compresenza sulla croce che ci inchioda   e    per la cui accettazione entriamo nel Mistero della resurrezione, hanno commosso le nostre viscere e riempito i nostri occhi di lacrime. Una forza nuova, una nuova passione ci spinge ad unirci alla Passione di Cristo e a ricercarlo nella sacralità del fratello e nel mistero del Suo Corpo Mistico, la Chiesa.  E’ scaturito in noi un più grande amore per Gesù, per  il suo progetto, da qui l’urgenza di metterci, rimanere, alla   Sua sequela.

E che dire della devozione di Don Luigi Maria alla Madre del Creatore e Madre nostra !

Ti ringraziamo Maria Vergine per il dono di questo figlio tuo, il suo esempio di devozione a Te, il più potente tra gli intercessori, ci spinge a chiederti la stessa devozione, la stessa presente nella vita dei santi, legaci a te Maria, donaci di amarti, coprici sotto la tua protezione di Madre; ci affidiamo a Te, Via che conduce al Figlio, Via che conduce alla Santissima Trinità. Amen!

di Teresa Ciociola.


Audio Insegnamento don Luigi Epicoco 15.02.2015

Audio Domande e condivisiome don Luigi Epicoco 15.02.2015

 

 

 


TESTIMONIANZE:

Buongiorno Teresa. Grazie, grazie,  grazie abbiamo vissuto dei momenti di grazia che mi hanno riempito il ❤ un accoglienza fraterna calorosa un posto meraviglioso non ci sono parole per descriverlo il sacerdote che ci ha ospitato, me lo sarei riportato a casa. Sono contentissima, sento una gioia che non riesco a contenere. Don Luigi e Stefano strepitosi e poi non per ultimi tu ed Emanuele.  Grazie per la vostra amicizia siete unici.  Azzurra – Pescara

Grazie x la vostra accoglienza… X il servizio fatto . .. grazie perché ci avete fatti sentire a casa. … Dio vi benedica e custodisca  sempre. Roberta Ragnacci – Fratticiola Selvaggia (PG)

Che bello iniziare la settimana con un senso di gioiosa pienezza,con il desiderio di fare la volontà di Dio, di lavorare nella sua vigna, di amare sempre e comunque. Rita – Foggia

Davvero forte quel Don Luigi!! ….Grazie. DIAMO GLORIA A DIO!!  Matteo – San Severo

Meravigliosamente stupefacente!!!! il Signore ci ha fatto incontrare nel ns cammino un vulcano fatto persona….don luigi !!!! Non conosceva le nostre realtà eppure nel rispondere andava dritto al nocciolo della questione. STUPEFACENTE!!! Pregherò per lui e per la sua missione. Maria – Foggia

Grazie per questo splendido week end. Avrà anche fatto freddo ma i nostri cuori bruciavano perché colmi di Spirito Santo. Gesù è stato con noi in ogni istante ed è stato bellissimo vivere con lui, pregarlo, adorarlo e ringraziarlo per il suo infinito amore. Grazie Stefano e grazie don Luigi, straordinari strumenti di evangelizzazione. Avete dato voce a quello che Gesù voleva far penetrare nel cuore di ognuno di noi. Sono certa che ognuno di noi si è sentito “toccato” nel profondo e pronto a rinnovare la propria fede. Concludo dicendo che non è facile tornare alla vita di ogni giorno dopo due giorni di Paradiso. Mi consola la parola del giorno: “La fedeltà dell’Eterno ti sarà scudo e corazza.(Sal 91:4). Armata di questo scudo e corazza sono pronta a riprendere il mio cammino e auguro lo stesso a tutti i miei fratelli in Cristo.  Lode a Gesù. Gabriella – Martina Franca (TA)

Un weekend di pace….quello trascorso insieme. Ancora una volta il SIGNORE ci CHIAMATO per nome e ci ha ricordato di essere FIGLI AMATI ..Un grande GRAZIE a don Luigi e a Stefano ….GIOIOSI EVANGELIZZATORI. ..che…con audacia e fervore…ci hanno contagiato. ..ci hanno rinnovato…Ora RICOMINCIA il Viaggio. Angelita – Putignano (BA)

Per commentare il ritiro, ci sarebbe da scrivere molto, è difficile poter racchiudere tutto quello che mi ha dato in poche righe, però di sicuro mi ha dato tanto nonostante gli argomenti trattati sia da Stefano che da Don Luigi Maria fossero complessi e ampi sono stati semplici da seguire ma soprattutto quello che mi ha colpito è che arrivavano diretti dentro di me senza che mi sforzassi di comprendere, solo attraverso lo Spirito Santo ciò è possibile ed è quindi evidente la Sua presenza in loro che sono strumenti straordinari del Signore.  Poi sicuramente per me come prima partecipazione ad un ritiro della comunità è stata una esperienza splendida, in quanto ho avuto modo di conoscere bellissime persone con cui mi sono sentito da subito parte, nonostante il mio carattere introverso, sono tornato a casa pieno ma leggero. Ogni momento mi ha dato molto dalle preghiere carismatiche all’adorazione, questo forte contatto con Gesù, la bellezza e tranquillità del posto è stata poi la giusta cornice. Un grazie particolare a Emanuele e Teresa che mi hanno invitato.  Luigi – Pescara

Vorrei in poche parole mettere per iscritto ciò che sento nel cuore dopo l’esperienza di San Marco in Lamis (FG).  Quando Teresa a Montesilvano ha invitato me e mio marito a questo  week-end, ho sentito fin da subito nel cuore il desiderio e la gioia di volervi partecipare. Non mi era mai successo in questo modo, ora capisco il perché: il Signore aveva imbandito in quel luogo “un banchetto di grasse vivande, ricco di cibi succulenti” ed aveva invitato proprio me…! Grazie Signore!  Grazie Signore per Stefano, che con la sua autorevolezza insieme alla sua dolcezza, ci ha ricordato che nella Comunità c’è una visione, un progetto di Dio a cui chiunque è stato chiamato deve aggrapparsi ed è importante che ognuno ci sia, che “lasci ciò che l’impiccia e s’incammini”, senza sforzarsi di capire il Signore, ma accogliendolo nella propria vita. Grazie Signore per la “rivelazione” del giovane sacerdote don Luigi che in maniera straordinaria ci ha “insegnato” a vivere la Quaresima come una “rincorsa” per poter eseguire il “salto” della Pasqua che è quello di farci sperimentare ciò che il Signore ci ha già donato: la LIBERTA’, quella vera che si raggiunge attraverso una fede fatta non di sensazioni e di emozioni, ma di “memoria” a cui aggrapparsi, altrimenti la nostra Pasqua diventa solo un rito, un’abitudine che, entrando nella nostra esistenza, l’uccide. A partire da questo,  don Luigi ci ha fatto fare un percorso ricco di profondi insegnamenti: percorso che non è facile raccontare, ma meraviglioso vivere, ed io l’ho vissuto! Grazie Signore! Grazie Signore per questa esperienza che mi hai fatto vivere insieme ai miei fratelli con i quali ho sentito una forte appartenenza nell’istante stesso in cui ho messo piede in quel luogo (cosa che è stata confermata da più fratelli nella preghiera): ero proprio dove dovevo e volevo essere. Grazie Signore!      “Lodiamo il Signore perché è buono, eterna è la sua misericordia!”  Carla – Cassano allo Ionio (CS)

Carissimi Fratelli della Comunità Magnificat, nei due giorni trascorsi con voi a Stignano ho fatto memoria delle meraviglie che il Signore ha compiuto nella mia vita da quando ho conosciuto la Comunità Magnificat.  Nel 2005 è bastato trascorrere tre giorni nel campeggio di Torre Rinalda con voi e alla presenza del Signore, per decidermi  a cambiar vita. Infatti, da allora è iniziato il mio cammino di conversione, aiutata e sostenuta dalla fraternità di Piacenza, ho iniziato una Nuova Vita alla sequela di Gesù, fonte della Vera Vita. Da più di tre anni mi sono trasferita in Puglia per lavoro e mi è mancato terribilmente il dono di una Comunità da cui ricevere forza e sostegno, per crescere nel cammino di fede. Da soli tutto è molto più duro e faticoso e il deserto prende piede. Durante l’incontro comunitario  a Stignano il Signore mediante voi mi ha parlata, mi ha ridato fiducia, mi ha ricordata che è con me e che si è sempre preso cura di me e che la mia vita gli sta a cuore. Mi ha ricordata che mi Ama e mi vuole riempire ancora di ogni benedizione e che mi apre una porta  per percorrere una strada con altri fratelli e sorelle e che, anch’ io, sarò le sue gambe, le sue braccia. Ora ho una consapevolezza in più: desidero camminare con voi per conoscere, amare e servire sempre più il mio Salvatore. Ringrazio il Signore per le meraviglie che ha compiuto e per tutto quello che ancora compirà , ringrazio ognuno di voi per la vicinanza fraterna, per le vostre preghiere, per la vostra testimonianza di vita e di fede. Grazie per aver invitato don Luigi Maria, veramente un dono per la chiesa di Dio e per ognuno di noi, la sua catechesi una sorgente di acqua viva. Ho già fatto una ricerca su youtube,  continuo ad ascoltare le sue edificanti catechesi (Giona cap. 1-2-3-4) ed il Signore continua a parlarmi!!!! Grazie di vero cuore, rimaniamo in comunione di preghiera. Buona Quaresima!!! Vostra sorella in Cristo.         Vilma De Tommasi Noci (BA)


FOTO GALLERY

 ???????? ????????  05 ????????                          ????????              

 

This entry was posted in eventi. Bookmark the permalink.

2 Responses to Ritiro Comunitario 14-15 Febbraio 2015 Convento Santa Maria di Stignano (FG)

  1. Un vivissimo grazie a Rita per l’invito e a Michele Russo per foto audio e video che ci permetteranno di rivivere quello straordinario fine settimana. Gabriella e Francesco, Martina Franca.

Lascia un Commento