Preghiera comunitaria, 6 novembre 2017

Postato da
|

Matteo 21,18-22

18 La mattina, tornando in città , ebbe fame. 19 E, vedendo un fico sulla strada, gli si accostò, ma non vi trovò altro che foglie; e gli disse: «Mai più nasca frutto da te, in eterno». E subito il fico si seccò. 20 I discepoli, veduto ciò, si meravigliarono, dicendo: «Come mai il fico diventato secco in un attimo?» 21 Gesù rispose loro: «Io vi dico in verità : Se aveste fede e non dubitaste, non soltanto fareste quello che stato fatto al fico; ma se anche diceste a questo monte: “Togliti di là  e gettati nel mare”, sarebbe fatto. 22 Tutte le cose che domanderete in preghiera, se avete fede, le otterrete».

 

Isaia 32,15-17

15 finchè su di noi sia sparso lo Spirito dall’alto
e il deserto divenga un frutteto,
e il frutteto sia considerato come una foresta.

16 Allora la rettitudine abiterà  nel deserto,
e la giustizia abiterà  nel frutteto

17 L’opera della giustizia sarà la pace
e l’azione della giustizia, tranquillità  e sicurezza per sempre.

 

Giona 2,3-10

3 «Io ho gridato al SIGNORE, dal fondo della mia angoscia,
ed egli mi ha risposto;
dalla profondità  del soggiorno dei morti ho gridato
e tu hai udito la mia voce.
4Tu mi hai gettato nell’abisso, nel cuore del mare;
la corrente mi ha circondato,
tutte le tue onde e tutti i tuoi flutti mi hanno travolto.
5 Io dicevo: “Sono cacciato lontano dal tuo sguardo!
Come potrei vedere ancora il tuo tempio santo?”
6 Le acque mi hanno sommerso;
l’abisso mi ha inghiottito;
le alghe si sono attorcigliate alla mia testa.
7 Sono sprofondato fino alle radici dei monti;
la terra ha chiuso le sue sbarre su di me per sempre;
ma tu mi hai fatto risalire dalla fossa,
o SIGNORE, mio Dio!
8 Quando la vita veniva meno in me,
io mi sono ricordato del SIGNORE
e la mia preghiera è giunta fino a te,
nel tuo tempio santo.
9Quelli che onorano gli idoli vani
allontanano da sè la grazia;
10 ma io ti offrirò sacrifici, con canti di lode;
adempirò i voti che ho fatto.
La salvezza viene dal SIGNORE».

Salmi 33,12

12Venite, figli, ascoltatemi;
v’insegnerò il timore del Signore.

 

Romani 13,11-14

11Questo voi farete, consapevoli del momento: è ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perchè la nostra salvezza è più vicina ora di quando diventammo credenti. 12La notte è avanzata, il giorno è vicino. Gettiamo via perciò le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. 13Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno: non in mezzo a gozzoviglie e ubriachezze, non fra impurità e licenze, non in contese e gelosie. 14 Rivestitevi invece del Signore Gesù Cristo e non seguite la carne nei suoi desideri.

 

Giudici 20,23

I figli d’Israele salirono e piansero davanti al SIGNORE fino alla sera; e consultarono il SIGNORE, dicendo: «Devo continuare a combattere contro i figli di Beniamino, mio fratello?» Il SIGNORE rispose: «Salite contro di loro».

Aggiungi un commento

Devi essere autenticato per commentare.