Preghiera comunitaria del 30 settembre 2020

Is 33,1-2
Signore, pietà di noi, in te speriamo; sii il nostro braccio ogni mattina, nostra salvezza nel tempo dell’angoscia.
Atti 9,32-35
E avvenne che mentre Pietro andava a far visita a tutti, si recò anche dai fedeli che dimoravano a Lidda. Qui trovò un uomo di nome Enea, che da otto anni giaceva su un lettuccio ed era paralitico. Pietro gli disse: “Enea, Gesù Cristo ti guarisce; alzati e rifatti il letto”. E subito si alzò. Lo videro tutti gli abitanti di Lidda e del Saròn e si convertirono al Signore.
Ap 21,5
Io faccio nuove tutte le cose.
Sal 33,6
Guardate a lui e sarete raggianti, non saranno confusi i nostri volti.
Cosa sei disposto a lasciare per accogliermi nella tua vita?
This entry was posted in Notizie, Preghiera. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento