Colui che mangia me
vivrà per me

Giovanni 6, 57

La Comunità, sin dall’inizio, si è sforzata di non aderire ad altro che alla volontà del Signore, intuita carismaticamente in preghiera, verificata nel discernimento comunitario accompagnato dai pastori della Chiesa.

Fin dall’inizio, perciò, il Signore ha potuto parlare alla Comunità che, con semplicità, si era posta in atteggiamento di umile, trepidante ascolto.

Uno dei momenti più significativi di tale percorso profetico fu vissuto da Tarcisio Mezzetti che, nel marzo del 1978, fece un’esperienza di Dio intensa e travolgente, nella quale ricevette l’ordine di costruire con Gesù e su Gesù la Comunità. Tale esperienza fu accompagnata dal discernimento dell’allora Arcivescovo di Perugia, monsignor Ferdinando Lambruschini, che – meno di un anno dopo – approvò il primo statuto della nascente Comunità Magnificat.

Ecco il racconto di Tarcisio, registrato nel 2014: